Blog

Follow our blog

La comunità che cura. Il Playback Theatre al servizio della vita

Appuntamento a Bologna dal 24 al 26 giugno 2022 con il meeting internazionale dei Playback Theatre, una tre giorni di seminari, performance, scambi, connessioni ed apprendimento.

Tornare ad essere una comunità di persone, capaci di sostenere il singolo nello sviluppo di tutte le sue risorse e peculiarità. È questo il topic fondamentale da sviluppare quest’anno durante il meeting internazionale DI PLAYBACK THEATRE che per la prima volta fa tappa in Emilia Romagna. 

Appuntamento a Bologna dal 24 al 26 giugno per una full immersion di Playback Theatre con l'aiuto di due trainers di eccellenza per esplorare il tema della Comunità intesa come risorsa che consente a tutti di stare bene e trovare stabilità e intesa come contesto di guarigione e superamento del trauma e della sofferenza. 

Ci immergeremo in un clima di condivisione e ascolto sfruttando una forte connessione con la natura, lavorando sulle colline bolognesi, in un bellissimo agriturismo immerso tra i calanchi. Mangeremo buon cibo e ci raccoglieremo in un anfiteatro che raccoglierà le nostre storie. All’alba e al tramonto ci saranno anche momenti di meditazione guidata.

Il meeting è aperto a chi ha già esperienza di Playback e a chi è a digiuno di questa metodologia teatrale e che vuole avvicinarsi e sperimentarne le potenzialità.

Formatrici:

NURIT SHOSHAN facilitatore di gruppi, laureato in psicoterapia NATAL incentrati sul trauma in collaborazione con l'Università di Tel Aviv. Lavora nel team della comunità di NATAL per la resilienza, le emergenze e per far fronte a situazioni di crisi e traumi con adulti, giovani e bambini. Trainer internazionale di Playback Theatre, regista e fondatore di "Creative Space Playback Theatre", attrice, fa plyback e lo insegna dal 1991. Stage di Psicoterapia in approccio Antroposofico. Crede nella capacità di guarire attraverso le arti e la condivisione del Playback Theatre.

ŞENIZ TURAN è istruttore di Drama Creative e Trainer di Playback Theatre. Lavora principalmente in diversi campi del lavoro sociale. Da 10 anni sviluppa progetti di teatro sociale con le donne. Şeniz sta attualmente lavorando con bambini con bisogni speciali. Usa il Playback Theatre come strumento di responsabilizzazione sui progetti con bambini con bisogni speciali e le loro famiglie, gruppi di rifugiati, nonché bambini e giovani in carcere. Il suo principale obiettivo di lavoro è fare ricerche su diversi modi e possibilità di espressione di sé.

Programma

VENERDÌ 24 GIUGNO 

ore 9 Ritrovo per le registrazioni

ore 10–12.30 Inizio attività  e scelta workshop

ore 13 pausa pranzo 

ore 14:30–18 workshop

ore 18-19 meditazioni al tramonto

ore 19.30 cena

Serata con Performance di Playback Theatre nell’anfiteatro

SABATO 25 GIUGNO

Ore 7-8 risveglio energetico

ore 8 colazione

ore 9–12.30 workshop 

Ore 13 pausa pranzo 

Ore 14.30–18 workshop 

Ore 19.30 cena

Serata libera con giochi di gruppo nel bosco

DOMENICA 26 GIUGNO 

7-8 risveglio energetico

ore 8 colazione

ore 9–12.30 workshop

Ore 13 pausa pranzo

Ore 14.30 – 16 workshop collettivo  

16.30 saluti

Il meeting di Bologna si terrà nel suggestivo relais il Poggiolo Agriturismo Bio, immerso tra i calanchi dell'Abbadessa.

Si potrà alloggiare in diverse tipologie di camere in relazione alle disponibilità. I pasti saranno ricchi menù della tradizione bolognese e vegetariani al bisogno. Si può raggiungere la destinazione in treno e ci sarà un servizio per raggiungere la struttura.

Il Meeting di Bologna è organizzato dai professionisti dell'associazione Meta Morfosi Asp, realtà che rappresenta la sede di Bologna della SIPT. 

Per l’iscrizione è necessario compilare la scheda di iscrizione ed effettuare un versamento di euro 100 della quota via bonifico (il saldo sarà effettuato in contanti):

IBAN IT40N0623002400000056863621

La quota comprende: 

  • La frequenza dell’intero meeting
  • Le performance serali 
  • Pranzo e cena di venerdì  24 giugno
  • Colazione, pranzo e cena di sabato 25 giugno
  • Colazione e pranzo di domenica 26 giugno
  • Sistemazione per la notte come da proposta
  • Servizi connessi con lo svolgimento del seminario
  • Quota assicurativa

La quota di partecipazione è di 270 euro.

Nel caso di impedimenti dovuti alle restrizioni determinate dallo stato di pandemia, la quota sarà interamente restituita.

Per informazioni e iscrizioni potete scrivere una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o contattarci su whatsapp al numero +39 333-2195688

Laboratorio di Psicodramma classico - Quando incontrarsi fa bene

Il 20 marzo a Bologna l’associazione Meta-Morfosi propone il laboratorio di psicodramma: Quando incontrarsi fa bene. 

Alla base dell’incontro vi è la convinzione che ogni essere umano è dotato della capacità di costruire rapporti empatici e reciproci con altre persone. Un incontro autentico facilita l’espressione piena della propria capacita espressiva.

Strettamente collegata al punto precedente vi è la concezione dell’individuo come essere dotato di possibilità creative e trasformative del suo destino, più che come un soggetto dominato e condizionato dalla sua storia. Questa concezione si allarga ai gruppi, concepiti come luoghi di possibili trasformazioni positive.

Ogni persona può essere agente terapeutico per un altro essere umano. (J. L. Moreno) 

Promuovere incontri nutrienti tra le persone è di grande rilevanza in questo preciso momento storico. Diversi autori hanno esplorato il potenziale impatto delle restrizioni dovute alla pandemia da Covid-19 in termini di solitudine e relative conseguenze sulla salute psicofisica.

In questo periodo è stato protagonista il concetto di distanziamento “sociale” che ha inciso negativamente sull’esperienza soggettiva e psicologica delle persone.

Il sostegno sociale svolge, da sempre, un ruolo chiave nel benessere delle persone, che di fronte alla paura della morte e all’aumento dei tassi di mortalità cercano una maggior vicinanza con coloro che costituiscono un supporto principale (famiglia, amici).

Nel contesto della pandemia da Covid-19, le restrizioni hanno alimentato la paura della morte e attivato i bisogni di protezione e sopravvivenza, che hanno innescato anche un senso di frustrazione nel cercare di garantire protezione per se stessi e per la propria famiglia.

Questa frustrazione ha causato ulteriore paura, ansia e angoscia, che sono solitamente associate a insonnia, irritabilità e aggressività.

Il sostegno sociale è quindi fondamentale non soltanto per ridurre i sintomi di disagio e solitudine, ma anche per incentivare un adattamento positivo all’evento traumatico. L’affiliazione con gli altri favorisce infatti una migliore regolazione delle emozioni, gestione dello stress e resilienza.

La solitudine e la mancanza di supporto sociale possono, inoltre, incrementare sintomi depressivi preesistenti o concomitanti all’evento traumatico (per esempio, innescati dalla crisi economico-finanziaria, dalla disoccupazione, dal timore per la propria incolumità) e inasprire la percezione dello stress.

Lo psicodramma è un metodo d’approccio psicologico che consente alla persona di esprimere, attraverso la messa in atto sulla scena, le diverse dimensioni della sua vita e di stabilire dei collegamenti costruttivi fra di esse. Le sessioni ed i laboratori di psicodramma ci consentono di incontrare tante persone e attraversare storie che spesso, all'interno dei gruppi, si intrecciano, risuonano e, nella condivisione, aiutano ogni componente del gruppo a comunicare con una parte di sé. Lo psicodramma facilita, grazie alla rappresentazione scenica, lo stabilirsi di un intreccio più armonico tra le esigenze intrapsichiche e le richieste della realtà, e porta alla riscoperta ed alla valorizzazione della propria spontaneità e creatività.

L’obiettivo del laboratorio è quello di sviluppare la propria spontaneità e creatività nell’incontro autentico con il gruppo. Lo sviluppo della creatività rappresenta un antidoto all’ansia, alla paura e alla nostra tendenza ad agire in modalità “Pilota automatico”: la ripetizione di copioni di vita che non aiutano.

Per informazioni e iscrizioni 338 8369020

  

A febbraio a Bologna parte il nuovo corso base di Playback Theatre

Dal 25 al 27 febbraio si terrà a Bologna il nuovo corso base di Playback Theatre condotto da Mara Silvestri - Trainer nazionale di Playback Theatre e docente della Scuola nazionale. Il corso è certificato dalla Scuola Nazionale di Playback Theatre. Il 18 febbraio webinar di presentazione.

locandina-corso-playback-bologna.png

Torna, finalmente in presenza, il nuovo corso base di Playback Theatre, la forma di improvvisazione teatrale basata sulle storie personali che arrivano dal pubblico e vengono riproposte in scena con profondità e ascolto.

Avvicinarsi al Playback theatre significa immergersi nella intensa atmosfera che il processo di questa particolare forma di improvvisazione teatrale attiva sulle storie di ognuno. È un teatro comunitario che connette le esperienze di una persona con quelle delle altre coinvolte nell'esperienza. Attraverso questo percorso i partecipanti potranno acquisire il livello base certificato dalla Scuola nazionale e successivamente continuare i livelli successivi da settembre con un fine settimana al mese.

A chi si rivolge il corso base di Playback Theatre

Il corso è particolarmente indicato a psicologi, assistenti sociali, educatori, animatori, operatori socio-sanitari, insegnanti, formatori, artisti, attori che desiderano lavorare in ambito socio educativo e per tutti coloro che desiderano approcciarsi a un efficace strumento professionale e soprattutto desiderano mettersi in gioco.

Il corso di Playback Theatre, condotto da Mara Silvestri - Trainer nazionale di Playback Theatre e docente della Scuola nazionale e certificato dalla Scuola Nazionale di Playback Theatre si terrà a Bologna il 25, 26 e 27 febbraio 2022 presso il teatro a Molla, via del Milliario 40.

Il corso verrà anticipato da un webinar di presentazione che si terrà il 18 febbraio alle 18 su Zoom.

Per iscrizioni al webinar di presentazione https://bit.ly/presentazione-corso-playback-theatre

Potete iscrivervi al corso fino a sabato 19 febbraio; se lo fate entro il 17 febbraio avrete diritto a uno sconto sui costi di prenotazione!

 

 

Laboratorio di Psicodramma classico - Costruire il proprio futuro

Se vuoi conoscere le cause del passato, guarda gli effetti del presente; se vuoi conoscere gli effetti del futuro guarda le cause del presente (Daisaku Ikeda)
 
Le scelte comportano spesso un margine di rischio, imprevisto, muovendo sentimenti quali paura, incertezza, ansia. Spesso la paura di fare la scelta sbagliata è tanta. Le nostre scelte costruiscono il nostro futuro, forse per questo sono così faticose. Nel scegliere una strada piuttosto che un'altra sappiamo che stiamo determinando ciò che saremo, anche se magari solo per un lasso di tempo breve. Stiamo comunque determinando parte del nostro futuro.

Il seminario affronterà il tema della capacità di scegliere, della capacità di affrontare il cambiamento, passando in rassegna le emozioni che questo comporta, perché anche per scegliere e cambiare sono necessarie molte competenze emotive. Il gruppo è risorsa: luogo ideale di scambio, confronto, mutuo apprendimento, dove esperire la sensazione di non essere più soli, né i soli.
“Lo psicodramma è un modo per cambiare il mondo, qui ed ora, usando le fondamentali regole dell’immaginazione” (J.L. Moreno)

CHE COSA E' LO PSICODRAMMA?

Lo psicodramma è un metodo psicologico sulla base del quale le persone si incontrano nell’ambiente protetto di un teatro e rappresentano se stesse al fine di conoscersi e aiutarsi reciprocamente. Ogni attività viene svolta in gruppo affinché la comunità possa rappresentare sostegno e aiuto per il singolo. Al centro della scena è posta la persona con la sua unicità e la sua capacità creativa. La rappresentazione scenica e il confronto con il gruppo consentono ad ognuno di armonizzare le esigenze e le aspettative personali con la realtà che lo circonda. Lo psicodramma è stato creato negli anni Venti da J. L. Moreno in ambito teatrale a partire dal cosiddetto teatro della spontaneità ed oggi è ampiamente usato in psicoterapia, nella promozione della salute e nella formazione personale.

METODOLOGIA

Il metodo proposto è lo psicodramma moreniano, ampiamente utilizzato nella formazione, nella promozione alla salute, nella psicoterapia, ambiti nei quali la dimensione del gruppo è importante e vitale.
Si consiglia abbigliamento comodo. Si lavora senza scarpe.
Destinatari:

Il laboratorio è rivolto agli adulti ed aperto a tutti. Il laboratorio diviene occasione per un "viaggio" creativo di gruppo, atto ad approfondire la conoscenza di sé in relazione alla tematica presentata, camminando insieme in un clima di scambio, interazione, sostegno reciproco, progettando e realizzando se stessi in armonia.
Numero partecipanti: minimo 10, massimo 12

Sede: Teatro A MOLLA BOLOGNA
Orari: 29 Gennaio  dalle 10,00 alle 12,00 e dalle 14,00 alle 18,00

Per partecipare è indispensabile avere il Green pass rafforzato.

Info e prenotazioni: 338-8369020

 

 

L'arte della conduzione dei gruppi. La conduzione dei gruppi con metodi attivi e tecniche espressive-corporee

L'associazione Meta Morfosi Asp presenta "L'arte della conduzione di gruppo. La conduzione dei gruppi con metodi attivi e tecniche espressive-corporee". Il corso si terrà a Bologna a novembre e dicembre e fornirà tutte le  conoscenze sul gruppo e le sue dinamiche e offrirà le competenze sulle tecniche di conduzione attiva e creativa.

Che sia un contesto educativo, scolastico, aziendale, sanitario o sportivo, saper lavorare con i gruppi è una competenza sempre più richiesta. Le relazioni nei gruppi hanno specifiche regole ed il gruppo funziona come un tutto al cui interno è difficile riconoscere e gestire certe dinamiche.

Inoltre non è detto che un gruppo funzioni in base allo scopo per cui è stato formato. 

Saper padroneggiare le tecniche di gestione e conduzione del gruppo è una competenza trasversale il cui sviluppo è spendibile in diversi ambiti in cui il gruppo è uno strumento di lavoro o una modalità di interazione professionale. Per questo motivo una formazione specifica risulta indispensabile per tutti quei professionisti che operano o intendono operare in questi contesti.

L'associazione Meta Morfosi Asp presenta il corso "L'arte della conduzione dei gruppi. La conduzione dei gruppi con metodi attivi e tecniche espressive-corporee"

Il corso fornirà conoscenze e competenze:

- sul gruppo e le sue dinamiche, su cosa sono e su come imparare a gestirle, e come utilizzarle al meglio ai fini della propria professione;

- sulle tecniche di conduzione attiva e creativa del gruppo sia per neofiti che per persone che desiderano integrare le proprie competenze;

Durante i due moduli verranno proposte tecniche di conduzione attiva ed espressiva di gruppi come i giochi di ruolo, attività espressive, role play, attività teatrali ed altre modalità di gestione del gruppo, adatte per gruppi classe, gruppi aziendali e tutti contesti in cui si lavora in gruppo. 

Come è organizzato il corso?

Il corso è diviso in due livelli della durata di 15 ore ciascuno:

Livello 1

primo avvicinamento alla conduzione di gruppo. Consente di acquisire le competenze i base per la lettura delle dinamiche di gruppo e l'avvio di gruppi (creazione del patto, tecniche di accoglienza e di creazione di un buon clima, lo sharing)

Livello 2

consente di acquisire competenze specifiche per il raggiungimento degli obiettivi prescelti e l'approfondimento delle tematiche previste in relazione ai diversi contesti(scelta degli strumenti opportuni al contesto, da esercizi di espressività corporea e tecniche creative quale l'uso di immagini, fotografie)

Il livello 1 si terrà il 12 novembre dalle 15 alle 20 e il 13 novembre dalle 9 alle 18.

Il livello 2 si terrà il 17 dicembre dalle 15 alle 20 e il 18 dicembre dalle 9 alle 18.

Entrambi i livelli del corso si terranno a Bologna

Il corso è aperto a formatori, psicologi, docenti, assistenti sociali, educatori e a chiunque è interessato ai gruppi e alla loro trasformazione.

Raccolta iscrizioni entro lunedì 8 novembre

La Scuola Italiana di Playback Theatre intervista Jonathan Fox, ideatore del Playback Theatre

Quale è stato lo scopo per cui tu e i tuoi collaboratori avete dato vita al Playback theatre?

Inizia così una lunga e interessantissima intervista a Jonathan Fox, ideatore e ricercatore del Playback Theatre. Una sorta di "racconto" che parte dalle origini del Playback theatre fino a giungere alla visione del futuro, alla funzione di questa metodologia per rendere il mondo a misura di essere umano.

L'intervista è stata realizzata in collaborazione con la Scuola Italiana di Playback Theatre di cui la nostra Associazione è sede a Bologna.

Di seguito l'intervista integrale

 

 

Cogliamo l'occasione per ricordarvi che il 18-19-20 giugno 2021 si terrà il nuovo corso base di Playback Theatre e condotto da Mara Silvestri - Trainer nazionale di Playback Theatre e docente della Scuola nazionale. Il corso è certificato dalla Scuola Nazionale di Playback Theatre.

Per informazioni sul corso base di Playback theatre clicca qui 

In partenza il nuovo corso base di Playback Theatre

Il 18-19-20 giugno prossimi si terrà il nuovo corso base di Playback Theatre e condotto da Mara Silvestri - Trainer nazionale di Playback Theatre e docente della Scuola nazionale. Il corso è certificato dalla Scuola Nazionale di Playback Theatre.

Il Playback Theatre è una forma di improvvisazione teatrale basata sulle storie personali che arrivano dal pubblico e vengono riproposte in scena con profondità e ascolto.

Avvicinarsi al Playback theatre significa immergersi nella intensa atmosfera che il processo di questa particolare forma di improvvisazione teatrale attiva sulle storie di ognuno. È un teatro comunitario che connette le esperienze di una persona con quelle delle altre coinvolte nell'esperienza. Attraverso questo percorso i partecipanti potranno acquisire il livello base certificato dalla Scuola nazionale e successivamente continuare i livelli successivi da settembre con un fine settimana al mese.

A chi si rivolge il corso base di Playback Theatre

Il corso è particolarmente indicato a psicologi, assistenti sociali, educatori, animatori, operatori socio-sanitari, insegnanti, formatori, artisti, attori che desiderano lavorare in ambito socio educativo e per tutti coloro che desiderano approcciarsi a un efficace strumento professionale e soprattutto desiderano mettersi in gioco.

Le date del corso

18 giugno ore 15-20
19 giugno ore 9-18
20 giugno ore 9-18

Laboratorio di presentazione 7 giugno dalle 18 alle 19:30 in presenza e mercoledì 9 giugno alle 18,00 su Zoom

Le iscrizioni verranno raccolte entro sabato 12 giugno. Possibilità di avere una riduzione sui costi con prenotazione anticipata entro sabato 5 giugno.

Al via il corso settimanale di Playback Theatre online su Zoom. Presentazione il 6 Aprile alle ore 18

Riprendono i laboratori teatrali di Playback Theatre (Teatro della Restituzione). Gli incontri si terranno online tramite l'app Zoom, con il vantaggio di essere accessibili da tutto il mondo.

Il 13 Aprile 2021 riprendono i laboratori teatrali della nostra associazione con un laboratorio permanente di Playback TheatreCondotti dal Trainer nazionale della Scuola di Playback Theatre Mara Silvestri e da altri collaboratori, ci sperimenteremo con esercizi teatrali sulla voce, il corpo, l’ascolto e la messa in scena attraverso diverse e sorprendenti tecniche artistiche.

Soprattutto, condivideremo emozioni, pensieri, desideri e le NOSTRE STORIE DI VITE che verranno delicatamente e artisticamente restituite e messe in scena!

Il corso settimanale di Playback Theatre si terrà tutti i martedì dalle ore 18.00 alle 20.00 e inizierà il 13 Aprile 2021. 

Il 6 Aprile alle ore 18 online su Zoom presenteremo il corso settimanale e l'associazione. CLICCA QUI PER ISCRIVERTI

La presentazione, così come il laboratorio permanente, è aperto a tutti, anche senza esperienze teatrali.

Lezione di prova gratuita.

Il Playback Theatre è uno strumento duttile per facilitare lo sviluppo della spontaneità e dell'espressività, della capacità comunicativa, dell'uso del corpo. Nasce come una delle forme sperimentali delle esplorazioni teatrali degli anni settanta che cercavano di coinvolgere il pubblico e di portare il teatro più vicino alla realtà quotidiana. Per fare questo Jonathan Fox ha unito lo storytelling con le teorie sistemico relazionali e i metodi attivi. Da allora Il Playback Theatre si è diffuso in tutto il mondo con compagnie e praticanti, è praticato in oltre 30 paesi. Può essere utilizzato in piccoli e grandi gruppi, nell’ambito di performance teatrali, in progetti specifici formativi ed educativi e per lo sviluppo di una comunità e all’interno di laboratori per la crescita personale.

Per informazioni organizzative, iscrizioni e fissare il colloquio, potete usare i seguenti contatti:

email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

cell: 3332195688

VIDEO Playback Theatre: uno strumento creativo per il singolo, i gruppi e le comunità

Il 17 dicembre alle ore 18 l'associazione Meta Morfosi ha organizzato il webinar: "Playback Theatre: uno strumento creativo per il singolo, i gruppi e le comunità"

Il Playback Theatre è uno strumento duttile per facilitare lo sviluppo della spontaneità e dell'espressività, della capacità comunicativa, dell'uso del corpo. Nasce come una delle forme sperimentali delle esplorazioni teatrali degli anni settanta che cercavano di coinvolgere il pubblico e di portare il teatro più vicino alla realtà quotidiana. Per fare questo Jonathan Fox ha unito lo storytelling con le teorie sistemico relazionali e i metodi attivi. Da allora Il Playback Theatre si è diffuso in tutto il mondo con compagnie e praticanti, è praticato in oltre 30 paesi. Può essere utilizzato in piccoli e grandi gruppi, nell’ambito di performance teatrali, in progetti specifici formativi ed educativi e per lo sviluppo di una comunità e all’interno di laboratori per la crescita personale.

SONO INTERVENUTI AL WEBINAR:

MAURIZIO STUPIGGIA
psicoterapeuta, insegna alla Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Statale di Milano. Direttore della Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Biosistemica di Bologna, opera in diversi Paesi d’Europa, in Giappone e America Latina. Ha pubblicato numerosi articoli e due libri tradotti in varie lingue;

MARA SILVESTRI
pedagogista, formatrice e counselor a mediazione corporea trainer della scuola di Playback Theatre, direttrice della scuola di playback theatre di Bologna;

LUCIA IMBRIACO
allieva della scuola di playback theatre di Bologna, teatrante ed antropologa;

MARIA CHIARA CERULLO
allieva della scuola di playback theatre di Bologna, lavora in campo educativo e studia scienze della formazione primaria;

RITA FERRARESE
Pedagogista servizi 0-6, formatrice e operatrice shatzu;

banner-playback-theatre.gif